Diminuisci Aumenta Email Stampa

Prefetto Vittoria Ciaramella di Cosenza

Prefetto Vittoria Ciaramella di Cosenza

Ufficio Stampa

          Si è tenuto stamani un incontro con le Organizzazioni sindacali della Fillea CGIL, Filca CISL e Feneal UIL relativamente ai lavori di costruzione del “Nuovo Ospedale della Sibaritide”, giunti ad una fase interlocutoria il cui protrarsi ha portato le stesse OO SS ad esprimere le loro preoccupazioni per possibili, negative ricadute per le maestranze, specie in termini di mantenimento dei livelli occupazionali

 

          Come noto, l’impegno di tutte le componenti, istituzionali e sociali, è stato quello di monitorare costantemente l’andamento dei lavori e di ricercare, attraverso il dialogo, la soluzione ai problemi che si frappongono alla realizzazione dell’importante opera nei tempi previsti.

Con questo spirito il Prefetto, dott.ssa Vittoria Ciaramella, ha interpellato il Presidente della Regione Calabria per avere notizie sulle prospettive di breve e lungo periodo, anche a garanzia di un sereno rapporto tra l’azienda concessionaria e le parti sociali.

Il Presidente, con grande solerzia, ha fornito le informazioni richieste incentrando l’attenzione sui tempi di approvazione della perizia di variante e, di conseguenza, sulla ripartenza del cantiere del nuovo ospedale della Sibaritide. A tal proposito ha comunicato che il 1° settembre scorso, presso gli uffici della delegazione di Roma della Regione Calabria, si è tenuto un incontro, definito positivo e proficuo, tra i rappresentanti dell’amministrazione regionale, la direzione dei lavori e l’impresa concessionaria.

Infatti lo stesso Presidente ha sottolineato che in occasione del confronto sono state condivise e definite le linee di modificazione contenute nella perizia, in accordo con il quadro esigenziale dell’amministrazione regionale, consentendo così di prevederne l’approvazione entro un mese e, quindi, di riprendere a regime l’attività di cantiere.

Tali rassicurazioni sono state riferite alle Organizzazioni Sindacali con invito a trasferirle ai lavoratori, ripristinando così una condizione di fiducia nell’interesse delle maestranze e della collettività.

Cosenza, 20 settembre 2023

 

 

 

 

 

comunicato stampa