Diminuisci Aumenta Email Stampa

A DIAMANTE (CS) UN MURALES PER STRAGE LAMPEDUSA

A DIAMANTE (CS) UN MURALES PER STRAGE LAMPEDUSA

RICORDIAMO ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA, L'ESISTENZA E VIGENZA DELL'ART.40 CODICE PENALE.

RESPONSABILITA’ DA PREVEDIBILITA’ DELL’EVENTO 

( VEDI NOTA Giurisprudenza )

Art. 40 Codice Penale - Rapporto di causalità.

Nessuno può essere punito per un fatto preveduto dalla legge come reato, se l'evento dannoso o pericoloso, da cui dipende l'esistenza del reato, non è conseguenza della sua azione od omissione.

<< Non impedire un evento, che si ha l'obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo >>

                    ******************************

Sarà  dedicato alle vittime di Lampedusa uno dei Murales ispirati al Mediterraneo realizzati in questi giorni nel  Centro Storico di Diamante (CS)

 Alle vittime di Lampedusa, ultime delle tante vittime di quel tratto di mare che si chiama Canale di Sicilia  sarà  dedicato il Murale realizzato proprio in questi giorni dal pittore Francesco Bulzis nel centralissimo Corso Garibaldi, nel cuore del vecchio borgo marinaro di Diamante. Si sta completando infatti, nella cittadina tirrenica l’Operazione Murales  2013  che annualmente arricchisce di nuove opere il patrimonio artistico distribuito sui muri della città. L’assessore  Franco Maiolino che ha organizzato l’evento culturale, che oltre alla realizzazione di nuove opere prevede  il  trattamento conservativo di una ventina di vecchi murales, la riscrittura di alcune poesie e l’illuminazione sperimentale  di un murale realizzato  in un sottoportico, aveva affidato agli artisti invitati  il tema del “ Mediterraneo,  mare  dove Ulisse inseguì la conoscenza e i migranti inseguono la speranza, << Colpito dalla notizia del naufragio di Lampedusa – ha detto Maiolino- ho notato che l’opera del pittore Bulzis era drammaticamente attuale ed ha voluto subito compiere un gesto simbolico che testimoniasse la solidarietà e la partecipazione  della città di Diamante  a questa enorme tragedia della povertà e della guerra. Diamante e la Calabria terra di emigranti – ha detto ancora l’assessore -  non può rimanere insensibile di fronte a quanto accaduto ieri a Lampedusa o nella scorsa settimana a Scicli e negli ultimi anni in tutto il canale di Sicilia. Queste enorme massa di gente che dall’Africa sub-sahariana, dal Magreb e dal Medio Oriente devastati dalla guerra, preme alle porte dell’Europa opulenta rappresenta un problema immane che non   può riguardare  soltanto L’Italia, che deve comunque approntare più adeguati strumenti legislativi, ma deve investire la responsabilità di  tutta l’Europa  che deve fornire risorse e mezzi per fronteggiare questa grande emergenza umanitaria.  A Diamante, -  conclude  Maiolino,- compiremo un gesto simbolico apponendo una targa commemorativa  sul murale di Bulzis nell’ambito di una giornata che insieme alle associazioni e alle comunità parrocchiali dedicheremo all’accoglienza e all’integrazione dei numerosi extra-comunitari  presenti nel nostro territorio >>.

 

Foto