Diminuisci Aumenta Email Stampa

CATANIA-COSENZA 0-2 , una vittoria meravigliosa

CATANIA-COSENZA 0-2 , una vittoria meravigliosa

Sabato 15 aprile 2017- Il Cosenza ha sbancato il glorioso stadio di Catania. 2-0 è il finale,partita decisa tutta nel primo tempo, Letizia al 13’pt e poi Statella con un goal capolavoro. Un goal annullato a Letizia per fuorigioco ( da modificare il regolamento), e poi D’Anna che fallisce il 3-0. La partita è stata sempre gestita dal Cosenza.

Nella ripresa il Cosenza non approfitta del giocatore in meno del Catania,che infortunato,rimane in campo solo per una formalità, avendo il Catania esaurito i tre cambi. Il Cosenza difende il risultato di vantaggio nella ripresa, e finalmente non subisce reti.

A Catania si è visto un grande Cosenza, che ha sbalordito tutti, sembrava la squadra prima in classifica.

Il Cosenza è una squadra un po’ strana, perde partite impossibile, e vince partite impossibile.

L’allenatore Stefano De Angelis,romano,emigrato in Calabria,una emigrazione al contrario, usa difendersi attaccando, è un modulo tutto opposto a quello di Roselli.

Il metodo De Angelis somiglia un po’a quello di Zeman senior, e di Zaccheroni ( a Cosenza, insieme a Di Marzio ha lasciato un ricordo bello e indelebile).

Il Cosenza,guidato da Stefano De Angelis, è bello e divertente, vince in casa e fuori casa, fa goal, e però si espone al pericolo anche di subirli.

Se il mister riesce a sistemare la difesa, il Cosenza diventerà grande da subito.

L’allenatore Stefano De Angelis si è conquistata, e meritata, la promozione a primo allenatore, sul campo, dopo le 3 vittorie consecutive, mentre sostituiva lo squalificato Roselli.

Bisogna aver fiducia in De Angelis, lasciarlo lavorare in tranquillità, con lui vi sono i presupposti e le condizioni per il rilancio del Cosenza, lui è giovane emergente, ha la voglia e capacità di diventare protagonista nel Calcio importante.

Cosenza è una piazza importante. E’ stato il trampolino di lancio di Allenatori e Giocatori,che poi sono arrivati in serie A.

Il Sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, ha visto bene in Eugenio Guarascio, che da valido imprenditore, ha ricostruito la società, e fatto rinascere il calcio a Cosenza,che era ormai finito.

Se la squadra Cosenza riesce a rimanere coerente con le belle vittorie di Catania,Monopoli, Taranto, derby a Catanzaro....ecc., la promozione in serie B, non è un sogno proibito.

A margine del partita Catania-Cosenza, una osservazione opportuna di stima merita il giornalista Giuseppe Milicchio, che con la sua radio cronaca,in diretta, su Jonica Radio, svolta con professionalità e passione, ha fatto sentire i tifosi del Cosenza, come presenti allo stadio di Catania, il cui evento sarà ricordato per sempre, come una impresa storica del Cosenza.

A Catania vi erano anche il Presidente Cosenza, Eugenio Guarascio, ed il Direttore generale Dott.Federico, la cui presenza ha portato fiducia e bene alla squadra, dopo la sconfitta interna con Siracusa.

LA CRONACA della partita Catania   –    Cosenza 0 – 2

Marcatori: 13′ Letizia, 44′ Statella

SECONDO TEMPO

95′ – FINALE DI GARA
94′ – Capece dalla distanza, Pisseri respinge di pugno
93′ – Vittoria a un passo per il Cosenza, che controlla con calma la sfera facendo trascorrere il tempo
Sostituzione91′ – Letizia stremato si accascia al suolo con i crampi. De Angelis lo sostituisce con Capece. Grandissima gara per l’attaccante del Cosenza
90′  Ci saranno 4′ minuti di recupero
89′  Questa volta la conclusione di Pozzebon mette i brividi al Cosenza. Pallone fuori di pochissimo
86′  Ancora un tiro dalla distanza di Di Stefano che finisce altissimo
84′  Pozzebon vede Perina fuori dai pali e da distanza siderale prova il goal clamoroso, pallone deviato in angolo dal portiere rossoblu
83′  Letizia fa tutto solo, prende palla, salta un difensore e dal limite lascia partire un bellissimo destro a giro che sfiora l’incrocio dei pali con Pisseri immobile
81‘  Cosenza ancora pericoloso. Prima un salvataggio sulla linea su cross di Caccetta, poi dal corner battuto ci prova Statella con un destro violento che esce alto sulla traversa
Sostituzione79′  Sostituzione Cosenza. In campo Caccetta che rileva D’Anna
Ammonizione 78′ – Ammonito Perina per perdita di tempo. Il portiere rossoblu era diffidato e salterà la prossima gara contro l’Akragas
77′ – Gil ritorna in campo per onor di cronaca visto che zoppica vistosamente
75′ – Catania che rischia ci chiudere la gara in 10. Drausio Gil si accascia al suolo per un problema muscolare e non ci sono più cambi per i padroni di casa
71′ – Gioco che adesso si fa confusionario da entrambe le parti. Ci prova il Catania con un tiraccio dalla distanza del giovane Di Stefano, pallone in curva
Sostituzione69′ – Cambio anche nel Cosenza con Mendicino in campo al posto di Baclet
Sostituzione69′ – Ultima sostituzione nel Catania. Di Stefano prende il posto di Scoppa
Ammonizione 67′ – Ammonito Djordjevic per simulazione
60′ – Cosenza vicinissimo al terzo goal. Letizia in area appoggia per l’accorrente Corsi che mette un cross testo respinto dalla difesa, il pallone finisce a Calamai che dal limite spara un destro forte e radente che fa la barba al palo
54′ – Con i padroni di casa sbilanciati in avanti per il Cosenza adesso si aprono vere e proprie praterie
53′ – Corner battuto dalla destra da Letizia, stacco di testa di Pinna pallone però colpito male che si spegne sul fondo
51′ – Catania che non ha più nulla da perdere e si schiera in campo adesso con 4-2-4 sbilanciatissimo
Sostituzione49′ – Doppio cambio per il Catania. Entra Pozzebon per Tavares e Barisic per Mazzarani
46′ – Sinistro dalla distanza di Russotto, Perina blocca la sfera nonostante un rimbalzo pericoloso del pallone
45′ – Riparte la contesa tra etnei e rossoblu. Nessun cambio nell’intervallo e stessi 22 della prima frazione

PRIMO TEMPO
 

46′ – FINALE DI PRIMO TEMPO
45′ – Contropiede 3  contro 2 del Cosenza vanificato però da un erroraccio di D’Anna
Goal244‘ – 
GOAL COSENZA CON Statella. Marchese sbaglia un facile cambio di gioco e invece di un compagano imbecca Statella che ringrazia, parte palla al piede, supera un avversario, si accentra e con un destro preciso dal limite dell’area infila in pallone nell’angolino basso alla destra di Pisseri
37′ – D’Anna dalla destra pesca Letizia in area che di testa fa secco Pisseri infilando la palla nell’angolino. Rete però annullata per fuorigioco dello stesso attaccante del Cosenza che si dispera
34′ – Tavaers sbaglia un facile appoggio e il pubblico di casa inizia a inveire e fischiare il Catania che fa davvero fatica a manovrare con fluidità

33′ – Doppio angolo consecutivo battuto dal Cosenza, sul secondo corner pallone allontanato dalla difesa e conclusione dalla distanza di Calamai che finisce altissima sulla traversa
29′ – Cross di Russotto dalla sinistra, svirgolata da gialappas di Tedeschi, per fortuna il pallone finisce tra le braccia di Perina
26′ – Il Catania si butta in avanti alla ricerca del pari ma le azioni dei siciliani sono confusionarie, mentre il Cosenza agisce bene in contropiede sfruttando le corsie esterne dove agiscono D’Anna e Statella, con Letizia indiavolato che corre su tutti i palloni
14′ – Ancora Cosenza pericoloso con una sventola dalla distanza di Statella che finisce di poco alta sulla traversa

Goal213′ – GOAL COSENZA con Letizia. Cross dalla sinistra di Statella, liscio incredibile di un difensore del Catania che permette a D’Anna di concludere verso la porta di Pisseri che respinge proprio sui piedi di Letizia che non si fa pregare e scaraventa il pallone sotto la traversa portando avanti i rossoblu
12′ – Continui capovolgimenti di fronte. Baclet non arriva su un cross di Statella, da dietro però arriva Letizia che non ci pensa un attimo e tira chiamando Pisseri alla riposta
10′ – Veementi proteste del Catania per un presunto atterramento in area di Di Grazia in area da parte di Corsi. Per il signor Panarese è tutto regolare
8′ – Ancora Cosenza pericoloso con un colpo di testa di D’Anna che trova Pisseri pronto alla parata a terra
7′ – Pronta la replica del Cosenza. D’Orazio imbecca Baclet in area che fa spoda per Letizia che prova la conclusione murata da Bergamelli
4′ – La prima azione della gara è per il Catania. Ci prova Di Grazia con un destro a giro dal limite, bella conclusione e pallone fuori di poco
1′ – Con ben 10′ minuti di ritardo il Cosenza da il via alla sfida Catania – Cosenza. Rossoblu che attaccheranno in questo primo tempo da sinistra verso destra

Ecco finalmente le due formazioni fare il loro ingresso sul terreno del Massimino. Cosenza in campo in divisa bianca da trasferta, padroni di casa nella classica tenuta a strisce rosse e azzurre

Quasi 7 minuti di ritardo. Ancora le due formazioni non hanno fatto il loro ingresso in campo

CATANIA(4-3-3): Pisseri, Parisi, Gil, Marchese, Djorjevic, Bucolo, Scoppa (69′ Di Stefano), Mazzarani (49′ Barisic), Russotto, Tavares (49′ Pozzebon), Di Grazia
Panchina: Martinez, De Rossi, Mbodj, Manneh, Di Stefano, Piermarteri, Marcioni, Rizzo, Pozzebon, Barisic,  
Allenatore: Giovanni Pulvirenti

 

COSENZA (4-4-2): Perina, Corsi, Tedeschi, Pinna, Ranieri, Calamai, D’Anna (79′ Caccetta), Letizia, Statella, Baclet (69′ Mendicino),  D’Orazio
Panchina: Saracco, Capece, Criaco, Cavallaro, Meroni, Madrigali, Calamai, Caccetta, Mendicino
Allenatore: Stefano De Angelis

Arbitro: Signor Riccardo Panarese di Lecce

Assistenti: Signori Gianluigi Di Stefano e signor Pierluigi Mazzei di Brindisi

Ammoniti:  Djordjevic (CA), Perina (CO)

Espulsi: 0

Angoli: 9-4

Note: Pomeriggio sereno e soleggiato e temperatura quasi estiva. Terreno del Massimino in ottime condizioni. Presenti poco più di 3.500 spettatori con una cinquantina di tifosi del Cosenza.

Foto