Diminuisci Aumenta Email Stampa

CROTONE-MILAN ,DOMENICA 30 APRILE

CROTONE-MILAN ,DOMENICA 30 APRILE

L’INTERA CALABRIA TIFA CROTONE RIMANI IN SERIE A

DOMENICA, IL FAMOSO MILAN E’ALLO SCIDA, LA PARTITA DELL’EUROPA.

 

BISOGNA crederci. Questo il diktat che giunge da ogni parte della Calabria.

Il Crotone calcio può, e deve rimanere nella massima serie. Domenica arriverà all’Ezio Scida il Milan di Montella: da una parte la loro ferma volontà a non perdere il treno per l’Europa e per dar seguito al nuovo corso cinese; dall’altra parte, da questa parte gli squali crotonesi che, al di là di torti arbitrali e favoritismi di sorta, vogliono e devono crederci.

L’exploit con la Sampdoria è un segnale evidente; la squadra rossoblu ha iniziato, seppur troppo tardi, a produrre quel bel gioco che gli ha concesso di vivere il sogno della serie A, vincendo un campionato – lo scorso – che rimarrà nella storia di tutti. Merito dei calciatori, che hanno ritrovato forse stimoli e caparbietà. Merito dell’allenatore, Nicola, indiavolato più del Milan stesso in ogni partita e contro ogni avversario. E stramerito – se ancora ve ne fosse bisogno – di una società che è da premiare sotto ogni punto di vista. Chiunque avrebbe effettuato scelte differenti dopo il tracollo da brividi nella prima fase iniziale. Chiunque. Loro no. Testarda così come la mentalità di ogni calabrese, la dirigenza tutta – dal presidente al vice fino all’ultimo massaggiatore – ha tirato dritto, mai abbassato la testa e sperato che qualcosa potesse essere fatta. Ci siamo adesso: prendere o lasciare. L’Europa per il Milan o la serie A per il Crotone domenica ?

 Ci schieriamo per l’Europa. Si, quella degli squali calabri però. Perché restare in serie A, sperare sino all’ultima giornata ed al diavolo ( anche in questo caso) l’Empoli e gli arbitri, significherebbe vincere la Champion’s League, non solo parteciparvi. Quella musichetta iniziale in Europa che è da pelle d’oca equivale all’inno cantato a squarciagola del mitico Rino Gaetano. “A mano, a manoooo” cantano i tifosi. Tutti, indistintamente, devono crederci. Nulla, può vietarlo. Allo Scida allora sarà vera partita, con il cuore, a mano a mano, con la testa. Il Crotone e tutta la Calabria farà il tifo senza soste, con speranza. Senza tentennamenti, con orgoglio. Senza attese, con la forza e la passione.

---------

ndD: Le strane recenti vittorie di Empoli a Firenze e Milano, e rigore facile contro Crotone con Torino, portano nubi su finale di campionato.

 

 

di francesco mannarino

Foto