Diminuisci Aumenta Email Stampa

MILAN: IL FENOMENO DS MASSIMILIANO MIRABELLI

MILAN: IL FENOMENO DS MASSIMILIANO MIRABELLI

Gli anni di Cosenza sembrano distanti galassie. Oggi Big Max è l’obiettivo principale della nuova proprietà cinese che vuole strapparlo all’Inter.  Voler fare carriera e riuscirci, in poche parole Massimiliano Mirabelli. Dai campi di periferia ai vertici del calcio nella squadra più titolata al mondo fino a qualche anno fa: è questo il cammino che l’ex direttore sportivo del Cosenza si accinge a completare in un tempo abbastanza ristretto. Il nuovo Milan dei cinesi miliardari cerca un ds a cui affidare il testimone di Adriano Galliani, simbolo comunque di un management che ha cambiato il modo di intendere lo sport. Troppo forte la voce del marketing a bilancio, imponente il peso specifico dello yen. “Il Milan vuole Mirabelli” hanno scritto questa mattina i maggiori quotidiani di informazione accostando il profilo di Big Max a quello del numero uno in assoluto: Fabio Paratici. L’identikit che vagliano i rossoneri è come quelle sagome nere dei film gialli, ma che tutti riconoscerebbero ad un chilometro di distanza. Fassone, ad in pectore nominato da Pechino, vuole qualcuno che argomenti sui calciatori per conoscenza diretta e che abbia la tempra per reggere il peso delle responsabilità. Apprezza Mirabelli dai tempi dell’Inter e sa quanto sia stato fondamentale il suo lavoro da responsabile degli osservatori per portare a San Siro gente come Perisic, Murillo e Brozovic. Il capo scout nerazzurro non è diventato il braccio destro di Ausilio a divinis, ma ha viaggiato a bordo di una locomotiva lungo un percorso la cui stazione di partenza era polverosa non meno dei campi di periferia calabresi. Ha convinto passeggeri a salire a bordo ad ogni fermata, Premier League inclusa, ed oggi quella macchina a vapore è diventata un treno ad alta velocità. Ha 47 anni, è giovane ed è pronto per la consacrazione definitiva. L’idea del Milan è di formare un tandem ben assortito tra campo e scrivania sul modello Juve, strappando alla rivale di sempre un ds moderno. Se al grande pubblico il suo nome non dirà ancora nulla (non ama molto andare sui giornali, ndr), chi deve conoscere Mirabelli già ha preso informazioni.  E lo ha fatto da tempo. (Antonio Clausi)-

un commento di Antonio Pileggi ·Cosenza < ma perchè dare popolarità ad uno che se ne va all'inter poi al milan e non è cazzo di fare arrivare due giocatori decenti a Cosenza per farci andare in serie A. Ma che cazzo di cusentinu é? statti a milanu e nsuppati u panettoni intru latti. ( non date risalto alla gente che non fa niente x il Cosenza e i tifosi Cosentini,) e come quando uno da povero diventa ricco e si dimentica del suo passato e dei suoi amici poveri definendoli straccioni.....................( vedi anche Gattuso ci vantiamo di lui xchè calabrese cosentino, ma della Calabria e del Cosenza sportivo se ne fotte un beato cazzo, pensa solo a se stesso alla sua carriera e ai suoi soldi.)9 settembre 2016 18:58

COSENZA CHANNEL ed.del 8.9.2016

 

Foto